Come calcolare il valore di un immobile

Calcolare il valore di un immobile rappresenta un’operazione che deve essere svolta con la massima attenzione affinché sia possibile riuscire a ottenere un risultato finale soddisfacente e corretto.
Ecco come procedere per riuscire in tale impresa e scoprire il valore di un immobile di proprio interesse o che si vuole mettere in vendita.

Calcolare il valore di un immobile, cosa serve

Per prima cosa è importante conoscere quali sono i dati necessari per riuscire a portare a termine tale procedura.
Il primo di questi è dato dalla superficie commerciale dell’immobile, che deve essere moltiplicata per la quotazione di un mq e dai coefficienti di merito.
Questo calcolo permette di conoscere il valore commerciale dell’immobile, ovvero il prezzo base dal quale devono partire le eventuali trattative di compravendita.
Ovviamente è importante capire come si ottengono gli altri dati e fare un esempio concreto per capire meglio a quanto ammonti il valore di un immobile e come lo si ricava.

Calcolare il valore dell’immobile conoscendo la superficie commerciale

La superficie calpestabile non è data solo dai mq che comprendono il pavimento e le parti esterne all’immobile.
Occorre considerare anche le pareti e le eventuali parti scoperte.
Per conoscere la superficie commerciale bisogna considerare al 100% quella calpestabile, alla quale va sommata la grandezza dei muri perimetrali al 100% solo se questi hanno uno spessore di 50 centimetri, mentre in caso contrario si considera solo tale valore se i muri sono più spessi.
Se invece si parla di pareti in comune, al valore calpestabile vanno aggiunti 25 centimetri di spessore del muro.

La mansarda va calcolata al 75% se altra 2,40 metri: se inferiore si conta solo il 35%, mentre le verande all’80% della loro dimensione.
Stesso discorso per il soppalco, che deve essere alto almeno 2,40 metri, mentre in caso contrario si calcola solo il 15% dello stesso.
Infine le cantine e la zona taverna viene calcolata al 60%.
L’insieme delle varie misurazioni danno vita alla superficie calpestabile di un immobile.

Il valore commerciale e i meriti dell’immobile

Successivamente occorre sapere quale sia il valore di un mq della propria superficie.
In questo caso è sufficiente recarsi sul sito dell’Agenzia delle Entrate che propone una valutazione specifica che varia a seconda della zona nella quale si trova quell’immobile.
Per esempio il valore di un mq di una casa in città, anche se piccola, ha una quotazione superiore rispetto a un’abitazione che, invece, si trova in campagna.
Inoltre occorre considerare anche i coefficienti di merito, ovvero stato dell’immobile e gli altri, sempre presenti nel sito dell’Agenzia delle Entrare e comunque online, che permettono di sapere esattamente a quanto ammonta il valore di un mq di quell’abitazione e le eventuali detrazioni che devono essere effettuate per conoscere tale importo.

Come effettuare il calcolo con facilità

Per quanto riguarda il calcolo, supponiamo che un immobile sia caratterizzato da una superficie di 100 mq commerciali, frutto di un accurato calcolo svolto con precisione e considerando tutte le diverse varianti come quelle prima descritte.
Il valore commerciale di un mq di quell’abitazione è di 800 euro.
Moltiplicando i mq per la quotazione unitaria, si ottiene un valore di mercato dell’immobile pari a 80 mila euro.
A questi è possibile sommare gli eventuali interventi e tutte le altre procedure di lavorazione svolte per migliorare la suddetta struttura edile.
In questo modo è possibile stabilire il prezzo finale basandosi sul valore commerciale dell’immobile.

© Club della beccaccia