Vendere per telefono

La vendita è una di quelle attività che non invecchiano mai: in tutte le società umane orientate allo scambio e non alla pura sussistenza c’è sempre stato spazio per chi fa, occasionalmente o professionalmente, del commercio la sua attività. Commerciare, scambiare, proporre ciò che ci ha in eccesso in cambio di quello che manca è alla base della società e dello sviluppo economico. Dai Fenici che navigavano per il Mediterraneo portando merci prodotte in Oriente per scambiarle con beni e materiali prodotti in Occidente, fino ai veneziani che viaggiavano per la via della seta (si pensi a Marco Polo) per mettere in contatto la lontanissima Cina con il Mediterraneo, fino agli inglesi e olandesi che nel 600 commercializzavano con le Indie e i loro preziosi prodotti, il commercio è stato sempre protagonista dell’economia e della cultura mondiale.

Oggi il commercio è diventato globale, in un mondo in cui le merci, i servizi, i prodotti, le materie prime, vengono comprati e venduti a velocità impressionante. La tecnologia ha cambiato le cose? Fino a un certo punto: commercio elettronico e vendita telefonica sono innovazioni importanti, ma alcuni aspetti della vendita restano gli stessi, sono rimasti uguali a quelli praticati dai fenici che andavano sulle spiagge del mediterraneo a proporre i loro manufatti. La vendita per telefono ad esempio, benché supportata da raffinate tecnologie informatiche sia hardware che software vede il suo successo nel fattore umano, nella capacità che ha il venditore di proporre in modo soddisfacente e efficace la sua offerta.  Aziende di successo in questo campo, come la calabrese Accueil, ad esempio, puntano molto sulla formazione del personale. Le loro apparecchiature sono di alto livello, e il software è di grande aiuto, ma è la qualità del personale che conta più di tutto, e le tecniche di vendita telefoniche, le vecchie e care tecniche di vendita, restano come sempre la base del successo.

© Club della beccaccia