Tecnica della fustellatura: dall’industria allo scrap

Chi lavora con la carta o è amante dello scrap, sicuramente non rimane dubbioso davanti al termine “fustellatura”. I più però non sanno di cosa si tratti e cosa va a designare questo tipo di procedimento, allora per dare un’idea del significato di questa parola, scopriamo questo singolare procedimento tecnologico che ci permette di ottenere forme di cartone di vario tipo.

Cos’è la fustellatura

La fustellatura è un processo, una tecnica tipografica, ma anche industriale, che ha come principio il ritagliare delle sagome da un determinato supporto, carta, cartone, per ottenere delle particolari forme che, debitamente piegate, daranno vita a scatole o altri oggetti. In principio la fustellatura nasce nell’ambito delle calzature. Infatti, le grandi pezzature di cuoio, venivano ritagliate secondo forme ben precise ottenute mediante l’utilizzo di fustelle. Questa tecnica è ancora utilizzata nell’ambito calzaturiero e anche nell’industria tessile.

Le fustelle

Ci sono tantissimi tipi di fustelle, ma in pratica di cosa si tratta? Le fustelle sono gli strumenti che praticano il taglio. Nell’hobbistica, come per esempio lo scrap, le fustelle sono in metallo, mentre in tipografia si utilizza per lo più la fustella piana, una base di legno con una lama d’acciaio, o meglio, un nastro, che ritaglia la sagoma secondo la forma desiderata.

Grazie alle nuove tecnologie oggi disponiamo anche di fustelle laser in grado di praticare incisioni e di ritagliare figure di diverse forme e dimensioni in pochissimi istanti, semplicemente programmando la macchina. Ovviamente le fustelle a laser sono molto precise. In questo caso si utilizzano quelli che vengono chiamati marcatori, ovvero delle “mascherine” che fingono da guida per il laser in modo che si ottengano le forme stabilite.

Cosa si può ottenere con la fustellatura

fustellatureGli ambiti di impiego di questa tecnica sono davvero tantissimi, dall’hobbistica all’uso industriale. Per esempio, tra le varie forme, le più semplici sono quelle dei biglietti da visita, o particolari biglietti per gli auguri, ma anche sagome particolari come scatoline in cartone, come per esempio le scatole che poi verranno utilizzate per contenere farmaci, saponette, detergenti ecc.

Nell’hobby dello scrap possiamo trovare svariate forme di fustelle da utilizzare con delle macchine manuali o a laser, alcune di queste sono in grado anche di tagliare il fommy. Nell’ambito industriale, invece, questa tecnica trova un largo impiego nel packaging, appunto per produrre scatole che diventeranno imballaggi.

Il cartone fustellato

Un prodotto che trova largo impiego in diversi ambiti è il cartone fustellato, ottenuto mediante la fustellatura di fogli di cartone di diverso spessore. Utilizzato soprattutto nell’ambito dello scrap, il cartone fustellato può essere colorato, liscio, ruvido o lavorato, modellato con diverse tecniche per dare vita a diversi oggetti, come per esempio delle originali bomboniere.

© Club della beccaccia